Concluso con successo il Progetto sulla Cittadinanza Globale

Si è da poco concluso il progetto “Storie vicine per guardare lontano”, realizzato dalla prof.ssa Tania Del Sarto nelle classi terze, quarte e quinte dell’Indirizzo Socio-Sanitario del nostro Istituto. Il progetto prende spunto da un percorso di Emergency sul tema della cittadinanza globale, così attuale in questo momento storico.

L’obiettivo del progetto è stato quello di rispondere alla talvolta scarsa conoscenza che i giovani hanno del fenomeno migratorio: il progetto si è concretizzato grazie anche al prezioso contributo degli esperti Lorenzo Carducci, Marco Curradi, Diego Martini e Riccardo Bonetti che hanno portato la loro esperienza sia teorica che pratica, offrendo ai nostri ragazzi un approccio esperienziale e dialogico.

Coerente con le competenze chiave di cittadinanza espresse dall’Unione Europea, il progetto ha cercato di soddisfare non solo il bisogno di conoscenze sociologiche sul fenomeno migratorio (di minori e non) che riguarda l’Italia e l’Europa, ma anche quello di confronto e di incontro con le diverse tipologie di servizi presenti sul nostro territorio e quello di conoscere e confrontarsi con nuovi ambienti di lavoro per i nostri futuri diplomati dell’Indirizzo “Servizi per la sanità e l’assistenza sociale”.

Articolato in due fasi, il progetto “Storie vicine per guardare lontano” si è svolto con un approfondimento in una prima parte sui diversi flussi migratori per poi soffermarsi sui servizi che sul territorio si occupano di migrazione e di integrazione, offrendo ai nostri studenti anche la conoscenza di possibili contesti lavorativi.

Il nostro Dirigente Scolastico, prof. Tiziano Nincheri, si congratula con la prof.ssa Del Sarto per aver proposto e realizzato questo interessante progetto che ha offerto ai nostri ragazzi una sempre maggiore consapevolezza della complessità del fenomeno migratorio nell’ottica dell’integrazione e della convivenza pacifica. Un ringraziamento speciale agli esperti esterni che con la loro disponibilità hanno contribuito a rendere più vivace il percorso: Lorenzo Carducci, Marco Curradi, Diego Martini e Riccardo Bonetti.