Concluso con successo il progetto di Ispettore di Impianti di Terra

Organizzato e gestito dal prof. Nicola Beltrami, il nostro Istituto ha realizzato un interessante corso di “Ispettore Impianti di Terra ai sensi del DPR 462/01” per i ragazzi delle classi quinte, prevalentemente di indirizzo elettrico-elettronico, ma aperto anche a tutti gli alunni che si accingono a sostenere l’Esame di Stato.

L’obiettivo del progetto è dare ai nostri ragazzi, oltre alle conoscenze e competenze che già avranno una volta diplomati, un ulteriore attestato spendibile nel mondo del lavoro.

Il ruolo di verificatore di impianti di messa a terra, oltre ad essere una professione di pubblica utilità, permette di svolgere un lavoro intellettuale che avrà sempre una continuità lavorativa: un datore di lavoro non può esimersi da tale obbligo, pena sanzioni amministrative considerevoli e, in alcuni casi, condanne penali. Come è obbligatoria, infatti, la revisione dell’automobile, così è obbligatoria, con periodicità che varia in funzione della destinazione d’uso del luogo, la verifica dell’impianto di terra.

Il nostro Istituto intende diffondere il concetto, nella curvatura elettrotecnica, che la realizzazione dell’impianto elettrico, la sua progettazione e la sua manutenzione non sono gli obiettivi finali: i neodiplomati dovranno essere in grado di verificare anche l’impianto di messa a terra e di stabilire se il luogo di lavoro è sicuro; si tratta di un incarico importante e di notevole responsabilità.

Con questa ulteriore competenza, l’alunno diplomato dal nostro Istituto potrà così proporsi agli organismi notificati dal Ministero per lo Sviluppo Economico, incaricati di effettuare le verifiche degli impianti di terra, con discrete possibilità di ottenere un buon impiego, vista la crescente richiesta in questo ambito lavorativo.

Il corso è stato caratterizzato da nozioni teoriche e da esercitazioni pratiche in campo, mirate a formare il tecnico verificatore del futuro. I nostri studenti hanno imparato a riconoscere e usare la strumentazione necessaria a svolgere tale lavoro, a classificare i luoghi di lavoro in base alla destinazione d’uso, e a controllare la presenza e l’autenticità della documentazione relativa all’impianto elettrico.

Il corso ha permesso ai nostri studenti di quinta di imparare ad effettuare l’analisi documentale (presenza o meno del progetto, della dichiarazione di conformità e della denuncia di terra oltre che alla valutazione rischio fulminazione ed esplosione), a misurare il valore della resistenza del dispersore di terra con più metodi, ad effettuare le prove di continuità del conduttore di terra e di protezione e a testare il funzionamento dell’interruttore differenziale, sia con la prova manuale che con quella strumentale.

Visti il notevole interesse e la massiccia adesione, sono in progetto corsi dedicati alla figura di ispettore delle apparecchiature elettromedicali e della conoscenza del Software “Spac”, usato principalmente nelle aziende che costruiscono ed esportano macchinari automatici industriali.

Il nostro Dirigente Scolastico prof. Tiziano Nincheri ringrazia il prof. Beltrami per questa importante opportunità che ha dato ai nostri allievi, e per aver reso la nostra scuola sempre più aggiornata nel campo del riconoscimento e nella diffusione di competenze che vanno a definire sempre meglio le professionalità dei ragazzi che si affacciano sul mondo del lavoro.